[a. m.] L'espansione di Roma nella Gallia Cisalpina, l’odierna Pianura Padana, iniziata nel II sec. a.C., comportava la necessità di razionalizzare precedenti piste preromane o creare nuovi assi viari - a scopi strategici e militari - per poter percorrere agevolmente e in sicurezza anche queste regioni, e di raccordarli con le vie che salivano da Roma. Le due grandi infrastrutture che interessarono i nostri territori furono la via consolare Postumia e la via Annia.

La via Postumia fu costruita nel 148 a.C. durante il consolato di Spurio Postumio Albino Magno, da cui prese il nome. Il suo tracciato non aveva la funzione di collegare subito Genova dal versante tirrenico, dopo la sottomissione delle popolazioni liguri, con la colonia di Aquileia, fondata nel 181, nevralgico porto fluviale accessibile dal mare Adriatico (due città situate agli opposti limiti della Cisalpina e senza rapporti diretti fra loro), ma rappresentava - detto in linguaggio militare - una “strada di arroccamento” che congiungeva i caposaldi della conquista romana della Cisalpina «lungo un fronte volto verso le regioni subalpine, nelle quali la romanizzazione era o appena iniziata o non ancora compiuta» (cfr. P. Fraccaro, La via Postumia nella Venezia, «Opuscula», 1, Pavia, 1957). Ciò non impedì che la via Postumia si evolvesse presto anche quale importante asse di comunicazione e scambio commerciale, dando un rilevante contributo al processo di romanizzazione, e su di essa si innestarono le principali direttrici di comunicazione tra i vari centri norditalici, fino a quando non mutarono nel corso dei secoli i quadri insediativi ed economici.

La Via Annia e il suo tracciato da Atria ad Aquileia

Tracciato della Via Annia romana
Fonte della mappa: regione.veneto.it | Concept progettuale e realizzazione grafica: Massarente Architettura srl.

Lungo la costa dell'arco alto adriatico, verosimilmente in coincidenza anche di più antiche piste protostoriche di collegamento tra il Veneto e l’area del basso Isonzo, veniva costruita nel 131 a.C. la via Annia, per volontà di un magistrato appartenente alla gens Annia, il pretore Tito Annio Rufo. Collegava Atria (Adria) - o Bologna, stazione della via Aemilia, secondo la tesi di altri studiosi - e Aquileia, passando per Padova, Altino e Concordia, in raccordo a sud con la via Popilia, già tracciata nel 132 a.C. su iniziativa del console Publio Popillio Lenate, che saliva lungo la regione costiera romagnola, grosso modo in corrispondenza all’attuale Romea, da Ariminum (colonia romana dal 268 a.C., dove erano stanziati in permanenza legionari, raggiunta dalla via consolare Flaminia che arrivava da Roma), passando per Ravenna. Il sistema stradale così concatenato formava la via Popilia-Annia o via Annia Popilia. L’idrografia del territorio era difficile e instabile e il percorso doveva snodarsi attraverso la bassa pianura veneto-friulana, confinante con l’antico ambiente lagunare, solcata da importanti vie fluviali, spesso soggetta ad alluvioni, esondazioni e interessata per larghi tratti dalla presenza di ristagni di acqua e paludi, ma l’asse vario apriva a grandi potenzialità economiche e proiettava verso il centro dell'Europa. La Via Annia era in gran parte una strada glareata (formata cioè da un battuto di ciottoli o ghiaia) ed era lastricata in basoli di pietra solo in prossimità degli attraversamenti fluviali o dei centri urbani. Questa tipologia costruttiva fu tra i fattori che favorirono lungo i secoli l'intenso deperimento del tracciato non basolato, fino alla scomparsa di tracce visibili in superficie.

Via Annia
Porzione della pavimentazione della via Annia nei pressi di Altinum | Fonte della foto: archeologiavocidalpassato.files.wordpress.com

Una presentazione chiaramente scandita secondo la tipologia di ogni tappa della via Annia, civitas, mansio o mutatio, è offerta dal sito → viaannia.veneto.eu. Nell'ambito del progetto finalizzato al recupero e alla valorizzazione dell'antico tracciato, sono segnalati 32 punti di rilievo storico-archeologico (illustrati in loco con un pannello didattico-informativo) e i cinque allestimenti dedicati al patrimonio di reperti, testimonianze e tracce che la Via Annia ha lasciato, nei musei archeologici di Adria, Padova, Altino, Concordia, Aquileia.

Il tracciato tra Padova e Aquileia è riportato, con indicazioni delle distanze in miglia leggermente diverse, in tre antichi itinerari: Itinerarium Antonini, Itinerarium Burdigalense e Tavola Peutingeriana. Per la riconoscibilità, invece, del tratto da Adria a Padova, privo di documentazione scritta, si devono incrociare ed integrare informazioni provenienti dall'aerofotografia, dalla ricognizione di superficie, dalle indagini di scavo, da dati d'archivio, mappe catastali, cartografia storica e toponomastica antecedenti al Novecento, prima delle trasformazioni del territorio, edificatorie e infrastrutturali, dell'ultimo secolo.
L'Itinerarium Antonini (del III sec d.C.) e la Tavola Peutingeriana (del III-IV sec. d.C.) ricordano Patavis civitas, Altinum civitas, Concordia civitas, Aquileia civitas. L'Itinerarium Burdigalense (del IV sec. d.C.), oltre alle civitates, evidenzia anche le tappe intermedie: civitas Patavis, mutatio Ad Duodecimum, mutatio Ad Nonum, civitas Altinum, mutatio Sanos, civitas Iulia Concordia, mutatio Apicilia, mutatio Ad Undecimum, civitas Aquileia.
In uscita da Padova la via offriva probabilmente due varianti per raggiungere Altinum: una metteva a disposizione appunto le mutationes "Ad Duodecimum" e "Ad Nonum", un'altra sulla destra di un ramo del Meduaco, antico nome del Brenta, raggiungeva, dopo Camin, la mansio "Maio Meduaco - Ad XII", a Sambruson di Dolo, dove incontrava la via costiera proveniente da Rimini, e poi la mansio "Ad portum", per continuare lungo l’intera gronda lagunare fino ad arrivare ad Altino.

Video

Bibliografia | Sitografia

  • Anna Bonfante, "Via Annia" agli Eremitani: la accessibilità dei contenuti per una nuova lettura, Tesi di laurea, UniVe, 2012-2013 | dspace.unive.it | Un progetto di allestimento per non vedenti e ipovedenti per la sezione "Via Annia" presente presso il Museo Civico agli Eremitani di Padova
  • Franco Stoppini, In volo alla ricerca della Via Annia | ilvolo.it
  • Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, Zone di interesse archeologico, U52 - Via Anniasimfvg.it/.../ppr/archeologici
  • Via Annia. "Il corridoio della memoria". Relazione tecnico-illustrativa dello studio di fattibilità per la valorizzazione integrata dei beni culturali e ambientali, delle produzioni e delle tradizioni locali nei territori comunali attraversati dalla Via Annia | Gruppo di Azione Locale capofila: G.A.L. “Venezia Orientale, 2005 | vegal.net/catalogo
  • “Archeoparco di Altino”: Quando la Via Annia e il fiume Sile si incontrano. Studio di fattibilità per la realizzazione di una “Mansio” lungo la via Annia, in prossimità dell’intersezione tra l’antica strada romana e il fiume Sile, nel territorio comunale di Quarto d’Altino (VE) all’interno del Parco Naturale Regionale del fiume Sile, 2005 | vegal.net/catalogo
  • Bruno Dotto, Viabilità nella Venetia et Histria. Il tracciato della Via Annia tra ipotesi e realtà | eleri.interfree.it
  • Via Annia (Tracciato da Rottanova ad Agna). Ricostruzione a cura di Lorenzi Claudio | deltapress.it/fondazionefranceschettiedicola
  • Leonardo Trevisan, La via Annia | fondazionepremioaltino.it
  • Via Annia. Progetto e cura di un pieghevole didattico | teodolinda.it/didattica/via-annia
  • Viviana Martini, Le infrastrutture della Via Annia: scoperte passate e ritrovamenti recenti. Il ponticello di Ca' Tron fra storia, scavi ed ipotesi di ricostruzione | researchgate.net/publication/311320506 | Leggi pdf
  • Diego Voltolini, Cecilia Rossi, Cristiano Nicosia, Maria Stella Busana, Progetto Ca’Tron (Roncade/TV-Meolo/VE). Indagini lungo i percorsi della via Annia, a cura di Maria Stella Busana, Quaderni di Archeologia del Veneto, XXVII | academia.edu/3510644
  • Maddalena Bassani, La via Annia: dall'analisi al possibile tracciato. Il tratto da Altino a Padova, in Via Annia. Adria, Padova, Altino, Concordia, Aquileia. Progetto di recupero e valorizzazione di un'antica strada romana, a cura di Francesca Veronese, Atti della Giornata di studio Padova 19.6.2008, Il Poligrafo, pp. 87-89 | academia.edu/1419173
  • Giovanni A. A. Uggeri, La nuova via Annia da Roma ad Aquileia (153 a.C.), in «JAT», Giornale di topografia antica, XXII (2012), Mario Congedo Editore, 2013, pp. 133-174 | academia.edu/15276554
  • Matteo Frassine, La questione Popillia-Annia tra Padova e Adria, in Guido Rosada, Matteo Frassine, Andrea Raffaele Ghiotto, ...viam Anniam influentibus palustribus aquis eververatam...Tradizione, mito, storia e katastrophé di una strada romana, Canova, Treviso, pp. 107-119 | academia.edu/22876760
  • Paolo Bonini, Una strada al bivio: via Annia o “Emilia Altinate” tra Padova e il Po, in Guido Rosada, Matteo Frassine, Andrea Raffaele Ghiotto, ... viam Anniam influentibus palustribus aquis eververatam... Tradizione, mito, storia e katastrophé di una strada romana, Canova, Treviso, 2010, pp. 89-102 | academia.edu/876362
  • Maria Stella Busana, Cercando la via Annia, il passante più antico inventato dai Romani, «La tribuna di Treviso», 7.8.2004 | ricerca.gelocal.it/tribunatreviso/archivio
  • Alberto Vigoni, La via Annia a San Stino di Livenza, «Archeologia Veneta», XXXIV, 2011, pp. 160-175 | academia.edu/4944727
  • Elena Pettenò, Alberto Vigoni, Iulia Concordia. Per un aggiornamento dei dati: le ultime scoperte dalle indagini lungo la Via Annia, in Via Annia. Adria, Padova, Altino, Concordia, Aquileia. Progetto di recupero e valorizzazione di un’antica strada romana, a cura di Francesca Veronese, Atti della Giornata di Studi, Padova 16.6.2010, Padova, Il Poligrafo, 2011, pp. 241-278 | academia.edu/4944701
  • Elena Pettenò, Alberto Vigoni, Il tratto della Via Annia presso Agna (Padova), in Via Annia. Adria, Padova, Altino, Concordia, Aquileia. Progetto di recupero e valorizzazione di un’antica strada romana, a cura di Francesca Veronese, Atti della Giornata di Studi Padova, 16.6.2010, Padova, 2011, pp. 193-204 | academia.edu/4944610
  • Paolo Mozzi, Alessandro Fontana, Silvia Piovan, Tiziano Abbà, Indagini geomorfologiche lungo il tracciato della Via Annia, in Via Annia II. Adria, Padova, Altino, Concordia, Aquileia. Progetto di recupero e valorizzazione di un’antica strada romana, a cura di Francesca Veronese, Atti della Giornata di Studi, Padova 17.6.2010, Il Poligrafo, Padova, 2011, pp. 71-90 | researchgate.net/publication/298213821 | Leggi pdf
  • Sambruson in epoca preromana e romana | sambrusonlastoria.it
  • Un Gis per la conservazione e la valorizzazione della via Annia - Popilia, Francesca Ansioso, Serena Artese, Floriana Magarò, Angela Miceli, Chiara Miceli, Paolo Talarico, Assunta Venneri, Giuseppe Zagari, Raffaele Zinno, «GEOmedia», 2/2017 | mediageo.it
  • Ci siamo sbagliati, la via Annia non ci riguarda. Un grande progetto per valorizzare la strada romana. Senza Roncade | roncade.it
  • Via Annia. Recupero e valorizzazione di un'antica strada romana, «I Vademecum del Giornale dell'Arte», Nuova serie, n. 13 | villaggioglobaleinternational.it
  • .

Itinerari

Gallerie fotografiche

Intersezioni

  • Davide Gherdevich, L’analisi spaziale come strumento per la ricostruzione della viabilità antica nel Friuli Venezia Giulia, Tesi di laurea, UniTs, 2007-2008 | openstarts.units.it
  • Per antiche vie / Po antičnih poteh | Guida al Parco Archeologico dell’Alto Adriatico / Vodnik po arheoloških parkih severnega Jadrana, Editrice Compositori, Bologna, 2014 | Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna | Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013 | online.ibc.regione.emilia-romagna.it | Leggi pdf
  • Paesaggi in movimento. Ricerche dedicate a Guido Rosada, a cura di Jacopo Turchetto e Michele Asolati, Padova University Press, 2017 | padovauniversitypress.it | Leggi pdf
  • Francesca Veronese, Tra terre e acque: il territorio a sud di Padova nell’antichità. Note su un nuovo allestimento al Museo Archeologico nel complesso dei Musei Civici agli Eremitani, «Padova e il suo territorio», Anno XXVII, n. 156, Aprile 2012 | padovaeilsuoterritorio.it | Leggi pdf